I Pagani in Italia: numero e distribuzione. Un tentativo di stima.

Una delle domande più frequenti che mi vengono rivolte, non solo da giornalisti e studiosi con cui vengo a contatto ma anche da persone interne alla comunità pagana e neopagana in generale, riguarda il reale numero dei praticanti delle vie pagane esistenti in Italia. Domanda questa che fino ad oggi non ha avuto alcuna risposta realmente attendibile, visto che fino ad ora ci si poteva basare solo su sensazioni, intuizioni o auspici: a dispetto di chi ha cercato di nominare improbabili “capitali del paganesimo”, fino a questo momento non era possibile in nessun modo dare valutazioni credibili visto che il nostro Censimento Nazionale non ha una domanda specifica riguardo l' affiliazione religiosa e non esiste una indagine statistica sufficientemente capillare da rilevare la presenza di un gruppo che, seppur in crescita negli ultimi anni, rimane per forza di cose ancora una minoranza.

Per parecchio tempo io stesso ho dubitato della possibilità di avere dati ragionevolmente attendibili al riguardo fino a che, qualche tempo fa, la mia attenzione è stata portata sul fatto che le indagini statistiche si basano su campioni numericamente ridotti, normalmente tra 500 e 1000 individui. Questo mi ha portato a riconsiderare alcune cose e mi ha fatto pensare che alcuni dati su cui poter ragionare erano in realtà già in mio possesso: sto facendo riferimento alle Insights demografiche delle pagine di Facebook, dove gli utenti che hanno dato il proprio “Mi Piace” alla pagina vengono raggruppati per sesso, età e collocazione geografica. Dal momento che la pagina del Pagan Pride Italia ha più di 2000 likes, si possono cominciare a fare delle stime trattando questo come un campione statistico.

 

Naturalmente è necessario fare per prima cosa chiarezza su alcuni punti: per cominciare stiamo parlando di un campione molto particolare, quindi non selezionato scientificamente per rappresentare uno spaccato della popolazione italiana in generale; poi che i dati che noi andremo a valutare non riguardano in realtà l' intera comunità pagana, ma i pagani che usano internet, sono presenti su Facebook e frequentano la pagina del Pagan Pride Italia. Quest' ultimo dettaglio è particolarmente rilevante, perché se è vero che in generale, nella mia esperienza, la stragrande maggioranza dei pagani italiani usa ormai internet e quasi tutti hanno un account Facebook, è vero che esiste tutta un' area, quella più tradizionalista, che non frequenta pagine che in qualche modo sono connesse al neopaganesimo, per cui dobbiamo considerare i dati che andremo a calcolare come parziali. Tuttavia si tratta pur sempre di un inizio, di una prima stima basata su dati reali e non semplicemente su sensazioni.

 

Cominciamo dunque col dire che la situazione che andremo ad esporre è stata “fotografata” a metà Gennaio 2013: a questa data la pagina del Pagan Pride Italia aveva 2574 “Mi Piace”, dei quali 2183 dall' Italia. Sfortunatamente il sistema degli Insights non evidenza tutte le singole entrate, ma riporta solo le venti città con il numero più elevato, per cui occorre cercare di estrapolare ed integrare i dati, per poter ricostruire la provenienza delle registrazioni non evidenziate nell' elenco. A tale scopo ho cercato di incrociare i dati in mio possesso con i dati del Censimento Generale della Popolazione 2011 ed ho iniziato col determinare che percentuale, sul totale della propria regione, ciascuna delle città registrate occupava, al fine di poter stimare la quantità di pagani non registrati in ogni diversa area. Senza ripetere singolarmente ogni dato, disponibili comunque su tabelle che posso fornire a chiunque ne faccia richiesta, in questo modo sono arrivato a stimare un totale che si aggira intorno alle 6.000 unità.

 

Tuttavia il metodo mi lasciava ancora perplesso, dal momento che non solo dà per scontato che la percentuale di pagani all' interno di una regione sia omogenea nelle aree non registrate come in quelle registrate, ma soprattutto il problema consiste che nei dati in mio possesso non tutte le regioni sono evidenziate, ma solo 12 su 21, e che quindi sulle 9 che non hanno alcuna località tra le prime 20 non c'è modo di stabilire una connessione certa.

 

Avendo fatto questo ragionamento, ho deciso di affrontare il problema da una diversa angolazione: sono quindi andato a mettere in relazione il numero di “Mi Piace” di ciascuna città evidenziata con la sua popolazione totale, determinando in questo modo la percentuale (approssimativa, secondo i caveat delineati al principio) di pagani sulla popolazione totale. Successivamente ho preso in esame tutte queste percentuali ed ho calcolato una percentuale media, che potrebbe quindi essere la percentuale di pagani in Italia sulla popolazione generale: questa percentuale, come si evince dalle tabelle, è vicina ad uno su diecimila, tornando quindi ad un numero complessivo di circa 6.000 unità su base nazionale. Volendo integrare a questo dato tutta la fascia di persone che pur essendo pagane o non sono su internet, o non hanno Facebook ovvero che afferiscono ad un' area tradizionalista che rifugge da pagine legate al neopaganesimo, direi che possiamo quindi valutare complessivamente, con tutte le cautele del caso, il numero totale di pagani e neopagani in Italia tra i 6 e gli 8.000.

 

Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, quello che salta all' occhio è la differenza di percentuale tra Roma ed il resto del paese, avendo Roma una percentuale di poco superiore al 2 per diecimila, ossia il doppio della media nazionale e di gran lunga superiore a qualunque altro dato registrato. Tuttavia ho voluto cercare di allargare qui lo spettro della mia indagine, e a tale scopo ho voluto confrontare il campione con le Insights di altre pagine amiche che hanno cortesemente voluto condividere con me i propri dati, cosa di cui le ringrazio ab imo pectore: le pagine in questione sono, per la precisione, Wicca.it, Wiccanews, PaganItaliani e la pagina di Sciamanismo di Lorenza Menegoni.

 

I dati ovviamente non possono essere sommati, dal momento che moltissime persone sono registrate su più di una di queste pagine, per cui quello che ho fatto è confrontare le diverse città e fare una media dei like ricevuti sulle cinque pagine, in modo da avere una classifica ragionata su cui fare la mia stima: devo dire che, come risulta dalle tabelle, la tendenza che ho trovato nelle diverse pagine è estremamente coerente, con la città di Roma che registra di norma da due a quattro volte le presenze rispetto alla seconda città registrata. Nella media generale le prime cinque città risultano essere Roma, con il 38% del totale delle presenze pagane registrate, seguita da Milano con il 13%, Napoli con l' 8%, Torino con il 5% e Palermo con il 4%. Su base regionale c'è una differenza rispetto alla stima del solo campione del Pagan Pride Italia, con la Lombardia davanti alla Campania, seguita da Lazio, Sicilia e Puglia (mentre con il calcolo della percentuale regionale il Lazio precedeva la Lombardia, con Emilia, Sicilia e Campania a seguire); in generale il Nord vede la maggior presenza sul territorio generale, seguito dal Centro e con il Sud e le Isole a seguire.

 

Ripeto ancora una volta, si tratta di una stima basata su dati evidentemente parziali e con un campione non selezionato scientificamente, ma si tratta pur sempre di una prima stima fatta su dati concreti e reali e non semplicemente su sensazioni epidermiche. Con tutti i limiti che questa indagine può avere, la offro come spunto di riflessione alla comunità tutta, con l' auspicio che presto si possa ragionare su dati più completi e con caratteristiche di scientificità impeccabili.